Sindacato Utenti
e Operatori per una
Medicina Integrata
I princìpi del SUOMI

Un sindacato a tutela della salute di ogni singolo cittadino come persona e non come produttore di fatturato.

Il Sindacato di Uomini, Donne e Medici Liberi

Da troppi anni le logiche di mercato e i troppi interessi economici di parte impediscono un libero svolgimento dell’Arte Medica svolta in scienza e coscienza e scevra da condizionamenti culturali ed economici.  Sono, purtroppo, all’ordine del giorno, episodi di cronaca che vedono episodi di collusione di medici che si fanno strumento di pratiche corruttive che incidono pesantemente sia sui loro assistiti che sul complessivo rapporto di fiducia degli utenti con i loro curanti;  per contro, sono sempre più numerosi gli episodi in cui dei Medici non allineati subiscono provvedimenti disciplinari per il solo fatto di difendere la propria indipendenza culturale ed i propri principi deontologici cui ispirano la loro professione, il rapporto con i loro assistiti, e il loro senso civico di tutori della Salute Collettiva.

Dobbiamo considerare che l’indipendenza culturale ed economica del Medico è la prima e fondamentale garanzia verso i suoi assistiti, e che dunque essa rappresenta la condizione indispensabile per un reale rapporto di fiducia Medico-Paziente.

Leggi e accordi, che non esitiamo a definire aberranti (tra cui dei discutibilissimi e pericolosissimi contratti tra case farmaceutiche e organizzazioni mediche), ingabbiano i Medici, collocandoli inoltre in una condizione di dipendenza culturale e  di una sempre maggiore subalternità al mondo della chimica sintetica, imposte per decreto in barba ad ogni principio di tutela della indipendenza di giudizio del Medico e di salvaguardia da Conflitti di interesse.  Questi ultimi, ormai, sono talmente diffusi in tutte le istituzioni che dovrebbero tutelare la Salute dei Cittadini, che quasi nessuno ormai nemmeno più si scandalizza di questi pericolosi intrecci.

Per contro, Medici che maggiormente vogliono esercitare la professione liberi da dogmi imposti, da pesanti condizionamenti esterni, e senza favorire comparaggi e malaffare, vengono sempre più spesso osteggiati, emarginati, denigrati, sottoposti a pesanti ritorsioni da questo sistema di corruzione e potere pervasivo.  Non si contano più i pesanti e strumentali attacchi alla Omeopatia e a tutte le tecniche terapeutiche naturali, in nome di una scienza che di realmente scientifico non ha nulla, di una scienza malata, disumana, e corrotta che è solo e soltanto scientismo dogmatico e ateista.

Questa pseudoscienza ha però dalla sua la totalità dei media main-stream, e riesce ancora a condizionare e obnubilare fortemente le menti e le coscienze, promuovendo ancora la fasulla “Teoria dei germi” che tanti danni ha prodotto alla umanità, e fomentando le paure della gente anche con epidemie dalla origine più che dubbia e la cui narrazione prevede un monologo a senso unico, senza possibilità di confronto con chi ha una interpretazione diversa degli eventi.

SUOMI nasce per riportare nel giusto alveo i dibattiti della Scienza, promuovendo invece dei sereni e paritetici confronti tra medici e scienziati con visioni ed opinioni diverse in merito agli argomenti oggetto di dibattito, e per difendere l’indipendenza dei Medici.

SUOMI nasce per promuovere la Medicina Biologica, il cambio del Quadro normativo dei tanti Operatori professionali scarsamente o affatto riconosciuti,  per difendere la Libertà di scelta terapeutica di Medici, Utenti e Operatori della Medicina Integrata, la Inviolabilità della Persona, la Libertà di espressione e tanti altri diritti costituzionali sempre più messi in pericolo.

SUOMI nasce, dunque, per opporsi a questa deriva dittatoriale anti-umana e per la difesa della Sanità Pubblica, sempre più ridotta ai minimi termini con il preciso intento di favorire gli imprenditori della Sanità Privata.


Scarica lo Statuto

 

Il SUOMI si propone di:

1. Primum vivere, dehinde philosophari. Primo postulato: difendere la Vita.

2. Tutelare l’indipendenza culturale dei Medici da leggi liberticide.

3. Parlare di salutogenesi in termini di: buone regole di vita, libertà di pensiero, alimentazione organica e corretta, terapie disintossicanti e giuste integrazioni.

4. Rispondere alle giuste istanze di umanizzazione delle cure.

5. Operare per un completo coinvolgimento del paziente nell’adesione alle cure concordate e consapevoli.

6. Promuovere il riconoscimento delle Discipline complementari e dei relativi Operatori professionali, chiedendo un aggiornamento del Quadro normativo.

7. Accogliere e diffondere le preziose proposte culturali, scientifiche, di libertà, dei suoi Medici, Operatori della Salute, e Utenti.

8. Tutelare i diritti di tutti gli utenti e di tutte le figure professionali iscritte.